martedì, marzo 11, 2014

oggi abbraccia un contadino

Come tutti i giorni, anche oggi ti sveglierai e dovrai mettere qualcosa sotto i denti. Che sia una zuppa a pranzo, un'insalata di finocchi e agrumi a cena o una frutta a merenda, per tutto questo c'è un contadino da ringraziare perchè ha seminato, curato e raccolto.


Quando sei qui con me
questa stanza non ha più pareti
ma alberi,
Sì, ma che alberi? 
alberi infiniti...

Capita di cantarla a piante e fiori, loro sono molto contenti!
I semi germogliano, le piante crescono, il tempo fa i capricci rispettando il detto sul mese di Marzo (mese pazzerello esci col sole ma prendi l'ombrello). Le piantine di pomodoro: Yellow Submarine, San Marzano e Ciliegino, hanno compiuto il loro primo mese, a fine Aprile le trasferisco in campo. Sapranno cavarsela? Troveranno del cibo? E l'acqua? Vorrei che restassero così piccine, per sempre! Queste e altre sono le domande che si pone un contadino.

Il pomodoro Yellow Submarine ha un mese!


I semi d'anguria e quelli dei peperoni, sono germogliati con la tecnica del cotone bagnato, anche mio nonno faceva così. La settimana scorsa ho raccolto la prima cassetta di patate, sono ancora piccoline, ma buonissime al forno. Raccogliere patate all'orto è faticoso ma solo così son sicura di mangiare un prodotto buono e sicuro.

Perchè è importante l'agricoltura su piccola scala?

La famiglia e l'agricoltura su piccola scala sono indissolubilmente legate alla sicurezza alimentare mondiale. L'agricoltura familiare salvaguarda i prodotti alimentari tradizionali, contribuendo nel contempo a un'alimentazione equilibrata e salvaguardando l'agro-biodiversità mondiale e l'uso sostenibile delle risorse naturali.
L'agricoltura familiare rappresenta un'opportunità per stimolare le economie locali, soprattutto se combinate con politiche specifiche volte alla protezione sociale e al benessere delle comunità.
Dalle mie parti, la verdura prodotta localmente si vende nella porta di casa, i market e i negozi di frutta e verdura, invece, vendono prodotti provenienti dal resto del mondo. Non perché ci sia richiesta, da parte dei clienti, di verdura esotica ma perché la pagano meno.
Allora ecco mandarini e mandaranci dalla Spagna, sedano rapa dall'Olanda, pere dal Perù, limoni dall'Argentina.
I limoni locali vorrebbero pagarli trenta centesimi al chilo, nonostante i costi di trasporto siano irrisori, e a carico del produttore. Dalle mie parti non hanno capito come deve funzionare l'economia a livello locale. In pochi, al banco frutta e verdura, notano se stanno comprando pere del Portogallo o del Perù, o di un'azienda sarda.
I giovani sono anche disposti a lavorare di nuovo la terra, a creare aziende agricole, ma è bene pretendere il giusto prezzo per i propri prodotti.

Ed ora ecco a voi l'anguria:

Seme di Anguria Sugar baby germogliato
Questo è un germoglio che dovrà diventare pianta, e che grazie alle cure del contadino produrrà dei frutti che qualcuno mangerà.
Per questo bisogna sempre ringraziare il contadino!


Privacy Policy