domenica, gennaio 12, 2014

campagna family farming

Il 2014 sarà l'anno delle family farming, ovvero delle famiglie che coltivano vegetali, allevano animali, o pescano. Spesso, si tratta di famiglie dei Paesi in via di sviluppo, che si rivolgono alla terra per la sopravvivenza loro e della loro comunità. Si tratta di piccola agricoltura familiare, gli appezzamenti sono inferiori ai due ettari. Ma la loro diffusione è tuttaltro che irrilevante, visto che, secondo dati FAO, contribuiscono per i due terzi alla produzione alimentare mondiale.
Dal sito family farming campaign:
L'Anno Internazionale della Family farming 2014 è un'iniziativa promossa dal Forum Mondiale rurale e sostenuta da oltre 360 ​​società civili e delle organizzazioni degli agricoltori. Questa celebrazione in tutto il mondo, dichiarata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, mira a diventare uno strumento per stimolare politiche attive per lo sviluppo sostenibile dei sistemi agricoli basati su famiglie contadine, le unità comunali, gruppi indigeni, cooperative e famiglie di pescatori.


Tutto questo lavoro è stato fatto nell'ottica di combattere efficacemente la povertà e la fame, e la ricerca di uno sviluppo rurale basato sul rispetto dell'ambiente e la biodiversità.

Family Farming.

Il 43% della popolazione mondiale attiva è impiegata in agricoltura. La percentuale è aumentata al 53% nei paesi in via di sviluppo. Nell'Africa sub-sahariana, l'80% delle aziende sono di proprietà e vi lavora la famiglia. A livello mondiale 1,5 miliardi di case vivono di agricoltura.

Ma l'Agricoltura della famiglia è molto più di un modello di economia agricola: è la base della produzione sostenibile di alimenti, della gestione dell'ambiente e della sua biodiversità, una fontana di importanti dimensioni culturali di ogni popolo, un pilastro fondamentale nell'integrale sviluppo delle nazioni.

Le family farming devono affrontare una serie di sfide: la difficoltà di accesso alle risorse e materie prime, l'invecchiamento della popolazione e la mancanza di ricambio generazionale (abbandono della terra da parte dei ragazzi), la mancanza di commercializzazione, formazione e servizi finanziari , la volatilità dei prezzi, poca o nessuna partecipazione ai processi decisionali, ecc... Tutto questo riflette la mancanza di riconoscimento del ruolo strategico che svolge.
Il dato parla da solo: nei paesi in via di sviluppo tre su quattro persone povere, vive in aree rurali, e dipendono dall'agricoltura per la propria sussistenza. Le donne possiedono meno del 2% della terra e ricevono meno del 5% dell'assistenza tecnica fornita agli agricoltori.
La crisi alimentare, che abbiamo vissuto in questi ultimi anni, ha portato un cambiamento di tendenza, provocando un certo interesse internazionale nei riguardi delle Family farming. C'è un'occasione unica per rilanciare le family farming nel mondo.


Obiettivi.

  • Promuovere politiche a favore dello sviluppo sostenibile delle family farming attraverso l'adozione di misure e strategie concrete e operative, rendendo stanziamenti di bilancio.
  • Rinforzare la legittimità delle associazioni agricole, per rappresentare gli interessi della famiglia agricola ed essere ascoltati, e, cointeressato con la realizzazione di politiche agricole. 
  • Aumentare la sensibilizzazione della società civile e di tutti gli agenti sociali del ruolo della famiglia agricola.
  • Ottenere il riconoscimento del ruolo delle donne nelle family farming, e dei loro diritti specifici. 
  • Sostenere e difendere un'economia internazionale di prodotti alimentari sulla base di regole che favoriscono lo sviluppo e la sicurezza alimentare in tutti i paesi. 
  • Promuovere la ricerca associata con lo sviluppo rurale sostenibile dando risorse umane e finanziarie.
Privacy Policy